About Andrea Gabban

This author has not yet filled in any details.
So far Andrea Gabban has created 5 blog entries.

Perdere l’innocenza: Mark Twain e lo Stato Libero del Congo

By |2019-10-07T16:00:42+02:00Ottobre 7th, 2019|Saggi|

Tra le molte tragedie che hanno insanguinato la Storia del XX secolo, quella del cosiddetto Stato Libero del Congo ha sollevato un’indignazione forse inaudita per i primi del Novecento, soprattutto a causa delle reazioni ferme di molti scrittori, che si impegnarono in prima persona per suscitare la rivolta dell’opinione pubblica contro tali atrocità. L’esempio più noto è certamente quello di Joseph Conrad, che da queste vicende trasse spunto [...]

David Foster Wallace e la televisione: tra letteratura e dipendenza

By |2019-09-11T11:28:30+02:00Settembre 10th, 2019|Saggi|

Circa sessant’anni fa, la nascita della televisione segnava un avvenimento senza dubbio rivoluzionario nella Storia dell’umanità. Gli effetti di questo nuovo medium sono stati quanto mai pervasivi, cambiando profondamente lo stile di vita occidentale e la nostra attitudine nei confronti delle altre forme d’arte, sia quelle considerate popolari che quelle ritenute più nobili. Quali conseguenze abbia avuto la TV sulla letteratura americana, al di là di facili isterismi [...]

I nuovi Bartleby: riscritture del dissenso in Gianni Celati e Daniel Pennac

By |2019-08-02T10:11:55+02:00Luglio 31st, 2019|Saggi|

Nel 1853, con la pubblicazione del suo romanzo breve – o racconto lungo che dir si voglia (cf. McCall 2002: vii) – Bartleby, The Scrivener, Herman Melville creava una figura letteraria fondamentale per la sua capacità di affermare un dissenso netto ma non violento nei confronti della società del tempo. Il Novecento, secolo dominato per lo più da rivolte armate e sanguinose repressioni, ha spesso guardato a questo [...]

Breve guida di sopravvivenza a Thomas Pynchon

By |2019-05-14T17:42:22+02:00Maggio 14th, 2019|Saggi|

Thomas Pynchon (Glen Cove, NY, 1937) è uno dei più celebrati scrittori americani viventi, vincitore, tra l’altro, del National Book Award per Gravity’s Rainbow nel 1974. Nonostante ciò, la mole dei suoi romanzi - che consistono spesso di svariate centinaia di pagine - e la complessità di riferimenti che presentano, assieme a un lavoro di traduzione iniziato tardivamente, fanno sì che sia essenzialmente sconosciuto al grande pubblico di qua [...]