CanadaUsa esplora gli immaginari e la cultura del Nord America, aprendo le storie e la Storia del Canada e degli Stati Uniti al confronto con le tradizioni e le realtà dell’Europa e del mondo.  

Continua a leggere

Ultimi articoli

25 Settembre 2020 Dopo The Waste Land: ideali letterari e sociali modernisti tra le due guerre L'impegno di T.S. Eliot come poeta e critico letterario è celebre, mentre il suo contributo in campo sociale e politico è meno noto. Negli anni della maturità l'autore partecipò attivamente, attraverso scritti e dibattiti, al dialogo sui problemi affrontati dal Regno Unito e dai paesi europei nel periodo a cavallo tra le due guerre.... The Vanishing American Hobo 13 Settembre 2020 The Vanishing American Hobo: oltre la superficie Alcuni paesi nordeuropei includono nel proprio sistema giuridico il cosiddetto diritto al vagabondaggio, conosciuto anche come libertà di girovagare: si tratta di un diritto che garantisce a chiunque la possibilità di spostarsi liberamente in quelle aree del Paese dove la natura è incontaminata, facendone per un po’ la propria casa e riscoprendo così quel... Kindred 7 Settembre 2020 Kindred, o la letteratura come luogo di rielaborazione del trauma storico Octavia Butler (1947-2006) è una delle principali scrittrici afroamericane del XX secolo, pilastro del genere fantascientifico che, con la sua vasta produzione, ha contribuito a fondare. Vincitrice di ambiti premi letterari, è stata la prima (e, fino al 2003, unica) scrittrice di fantascienza a ricevere il premio MacArthur. Celebre è la sua Parable series,... scacchi 29 Agosto 2020 Partita a scacchi con la guerra: il campionato del mondo di Fischer e Spassky Il 3 settembre del 1972 venne decretata la fine di quello che negli anni fu rinominato il torneo di scacchi più lungo della storia. I protagonisti, Bobby Fischer e Boris Spassky, erano i rappresentanti delle nazioni allora coinvolte nella Guerra Fredda: Usa e Urss. Un po’ per gioco e un po’ per senso patriottico,... 24 Agosto 2020 A Single Man: un uomo qualunque (ma molto scomodo) Siamo nel dicembre del 1952 e Isherwood comincia a scrivere The Day’s Journey, la prima bozza di una sceneggiatura destinata a un film omonimo. Da qui parte il viaggio che lo porterà alla pubblicazione nel 1964 di quello che poi avrebbe definito il suo capolavoro: il romanzo A Single Man.
1. A Single Man...

Avvisi

Ultimi articoli

Dopo The Waste Land: ideali letterari e sociali modernisti tra le due guerre

L’impegno di T.S. Eliot come poeta e critico letterario è celebre, mentre il suo contributo in campo sociale e politico è meno noto. Negli anni della maturità l’autore partecipò attivamente, attraverso scritti e dibattiti, al [...]

The Vanishing American Hobo: oltre la superficie

Alcuni paesi nordeuropei includono nel proprio sistema giuridico il cosiddetto diritto al vagabondaggio, conosciuto anche come libertà di girovagare: si tratta di un diritto che garantisce a chiunque la possibilità di spostarsi liberamente in quelle [...]

by |Settembre 13th, 2020|Categorie: Saggi, Senza categoria|0 Commenti

Kindred, o la letteratura come luogo di rielaborazione del trauma storico

Octavia Butler (1947-2006) è una delle principali scrittrici afroamericane del XX secolo, pilastro del genere fantascientifico che, con la sua vasta produzione, ha contribuito a fondare. Vincitrice di ambiti premi letterari, è stata la prima [...]

Partita a scacchi con la guerra: il campionato del mondo di Fischer e Spassky

Il 3 settembre del 1972 venne decretata la fine di quello che negli anni fu rinominato il torneo di scacchi più lungo della storia. I protagonisti, Bobby Fischer e Boris Spassky, erano i rappresentanti delle [...]

A Single Man: un uomo qualunque (ma molto scomodo)

Siamo nel dicembre del 1952 e Isherwood comincia a scrivere The Day’s Journey, la prima bozza di una sceneggiatura destinata a un film omonimo. Da qui parte il viaggio che lo porterà alla pubblicazione nel [...]

Octavia Butler: la fantascienza si apre alle donne di colore

La fantascienza - e con essa anche altri sottogeneri tra cui il Cli-Fi - si è sempre presentata come via per re-immaginare senza limiti le infinite possibilità dell'esistenza.  Gli sfondi distopici sono - più spesso [...]

Torna in cima